0.00%
Donation : €0.00/ €55,000.00 DONA ORA

Completamento del centro polifunzionale di Ankofafa e implementazione delle attività educativo-formative e socio-sanitarie per le categorie deboli

Descrizione del contesto

La situazione del Madagascar, Stato con una popolazione di 25.683.610 abitanti (dati di luglio 2018) e per lo più concentrati in zone rurali (circa l’83% secondo i dati UNICEF), risulta fortemente influenzata dall’instabilità politica che ne ha caratterizzato il recente passato fin dalla sua indipendenza ottenuta nel 1960. La difficile situazione economica è stata fortemente condizionata da questo susseguirsi di gravi crisi politiche (l’ultimo colpo di Stato risale al 2009), nonché dalle difficoltà del settore trainante dell’economia malgascia, quello agricolo, che risulta fortemente vulnerabile a causa di fenomeni climatici estremi, di una mancata diffusione di strumenti tecnologici e dall’oscillazione dei prezzi. Le ultime rilevazioni delle Nazioni Unite attribuiscono al Madagascar un indice di sviluppo umano di 0.519 (UNDP, Human Development Reports, 2018), valore che colloca il Paese al 161° su 188 nazioni, mostrando come quella malgascia sia una delle popolazioni più penalizzate al mondo. Una fotografia significativa di questa condizione è data dal CIA World Factbook (2018), secondo cui il Madagascar è il terzo Paese per numero di persone che vive al di sotto della soglia di povertà (70,7%), preceduto solo da Siria e Zimbabwe. Questa condizione si sovrappone ad una delle situazioni più difficili per quanto riguarda l’accesso ai servizi di base: il Madagascar è infatti il terzultimo Paese al mondo per indicatori relativi alla disponibilità/ gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico sanitarie (dati UNICEF 2018), oltre ad essere il quinto Paese per tasso di malnutrizione cronica e ad avere il 47% dei bambini di età inferiore ai 5 anni afflitti da malnutrizione. A rendere ancora più complessa la possibilità di uno sviluppo sostenibile per il Paese vi è la preoccupante situazione legata all’istruzione, che ha un’incidenza negativa sullo sviluppo del capitale umano del Paese. In particolare, il contesto risulta caratterizzato da un alto tasso di abbandono della scuola primaria (64,9 %, dati UNPD 2018), da un sotto investimento nell’istruzione da parte del governo (solo il 2,1% del PIL) e da una scarsa preparazione del corpo docente della scuola primaria e secondaria (solo il 15% ha ricevuto una formazione, anche minima). Il tutto senza considerare la strutturale carenza di quaderni, libri e tutti i principali sussidi scolastici, nonostante la scuola sia un servizio a pagamento. Se si considera l’attuale situazione economica e del mercato del lavoro, la crescita risulta molto fragile e la forza lavoro concentrata nel settore agricolo (circa l’80%), in un Paese fortemente segnato dal fenomeno del land grabbing. Inoltre ben l’86,4% dei lavoratori guadagna meno di 3,10 dollari al giorno (elaborazione di dati dell’ILO – International Labour Organization, 2018). Un’altra situazione rilevante all’interno del Madagascar è quella legata alla gender equality: quella malgascia è infatti una società tradizionalmente dominata dal genere maschile e in cui i diritti delle donne sono spesso trascurati. Questo risulta evidente se si considera che circa una donna su tre ha subito una qualche forma di violenza, che più del 40% delle donne sono state fatte sposare prima dei 18 anni e che esistono delle gravi differenze di accesso al diritto allo studio e alla salute (dati UNICEF 2018, “Challenges & opportunities for children in Madagascar”). Questi dati risultano molto significativi per cogliere lo stato di emergenza cronica che investe il Paese e la sua popolazione, evidenziando come in Madagascar risulti seriamente compromessa per la maggior parte della popolazione la possibilità di godere di una vita lunga e sana, di essere istruiti, di avere accesso alle risorse necessarie ad un livello di vita dignitoso e di sentirsi a pieno titolo membri della propria comunità di appartenenza. È in questo contesto che si inserisce il progetto proposto dall’Associazione Mangwana volto al COMPLETAMENTO DEL CENTRO POLIFUNZIONALE DI ANKOFAFA E ALL’IMPLEMENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE, FORMATIVE, SOCIO-SANITARIE E CULTURALI. La periferia della città di Fianarantsoa e le zone rurali limitrofe hanno una popolazione che vive in condizioni di estrema povertà e degrado, in uno stato di esclusione da quelli che sono i servizi di base e i diritti fondamentali. In quest’area il centro polifunzionale di Ankofafa si pone come un punto di riferimento in grado di intercettare i bisogni e intervenire rispetto alle diverse problematiche. Ciò avviene grazie sia alla grande conoscenza del contesto da parte del personale locale impiegato, che favorisce l’emersione dei bisogni, sia alla qualità dei servizi che vengono erogati, che permette di incidere in maniera significativa sulle necessità dei destinatari presi in carico.

Luogo
Il progetto è localizzato nel quartiere di Ankofafa, nella periferia della città di Fianarantsoa, Madagascar

Obiettivi generali
L’obiettivo generale del progetto è migliorare le condizioni di vita della popolazione dell’area di riferimento.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:
Obiettivo specifico del progetto è accrescere il grado di accesso ai diritti e ai servizi di base della popolazione indigente nella periferia della città di Fianarantsoa e delle zone rurali limitrofe.

Attività

  • completamento della costruzione e dell’arredamento del centro polifunzionale;
  • implementazione dello sportello sociale;
  • attività agricole e di allevamento;
  • implementazione corsi di alfabetizzazione e attività ludico-creative per bambini non scolarizzati;
  • settimana della salute;
  • giornate informative;
  • implementazione corsi di formazione professionale;
  • microcredito;
  • realizzazione dei programmi radiofonici di RADIO VANONA;
  • campagne di sensibilizzazione;

Responsabili del progetto
Il responsabile del progetto è il Presidente dell’associazione Mangwana, Massimiliano Ciucci, cell: +39 329 5442745 // E-mail: massimilianociucci(at)hotmail(dot)com

DONA ORA

1

Scegli un progetto

Puoi scegliere fra diversi progetti

2

Clicca DONA ORA

Basta un click

3

Compila il form

Puoi usare paypal o la carta di credito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi