Gli incendi non stanno devastando solo l’Amazzonia, anche l’Africa. Ma non per le stesse ragioni.

Le immagini satellitari mostrano che anche in Africa, come in Amazzonia, le foreste bruciano. Le cause sono tuttavia diverse.

L’Amazzonia non è la sola a bruciare. Una serie di immagini circolano infatti su internet, a partire da una mappa satellitare della Nasa, che mostra come l’intera fascia centrale dell’Africa sia colpita da una miriade di incendi. Dall’oceano Atlantico a quello Indiano, l’intera porzione centrale del continente è in fiamme, al livello del Gabon e dell’Angola.

LEGGI

Ogni giorno nell’Adriatico finiscono 11 tonnellate di microplastiche

Il report “Un Po di plastica” è la prima ricerca a concentrarsi sulle microplastiche nel Po, che ogni ora riversa in mare la quantità di rifiuti prodotta in un anno da un italiano.

Il Po riversa in mare 11 tonnellate di microplastiche al giorno, che significa 465 chilogrammi all’ora: l’equivalente di quanti rifiuti vengono prodotti da un cittadino italiano in un anno. A rivelarlo è la ricerca “Un Po di plastica”, condotta da Aica(Associazione internazionale per la comunicazione ambientale) in collaborazione con Erica soc. coop. e lo European research institute (Eri) di Torino, che insieme hanno campionato il fiume più lungo d’Italia alla ricerca di frammenti di plastica.

LEGGI

Ad Utrecht (Olanda) 316 BUS stops sono stati trasformati in BEE stops.

La municipalità di Utrecht ha installato tetti verdi sulle fermate degli autobus per attirare le api. I piccoli giardini inoltre filtrano gli inquinanti e riducono il calore estivo.

Città più verdi per città più sane. Devono aver pensato così gli amministratori locali di Utrecht, cittadina di circa 1,2 milioni di abitanti nei Paesi Bassi. Da giugno infatti le 316 fermate degli autobus della città sono state trasformate in giardini fioriti. I tetti delle pensiline ospitano delle piccole aiuole pensili, utili per attirare gli insetti impollinatori come le api, ma anche per ridurre l’effetto isola di calore – quindi diminuire le temperature estive – e filtrare parte degli inquinanti atmosferici.

LEGGI

È ufficiale: lo stop alla plastica monouso in tutti i Paesi UE, a partire dal 2021, è finalmente realtà

L’Europarlamento ha definitivamente approvato la direttiva proposta dalla Commissione europea che prevede entro il 2021 lo stop alla produzione e alla commercializzazione dei dieci prodotti di plastica monouso che più inquinano i nostri mari e le nostre spiagge.

Non ci sono più dubbi né attese: comincia pure a dire addio alle cannucce nel drink, alle forchette e ai piattini che ti porti dietro ai pic nic. A partire dal 2021, infatti, questi e altri oggetti di uso comune, che da sempre siamo abituati a trovare e acquistare a poco prezzo in tutti i supermercati, saranno tassativamente banditi in tutti i Paesi membri dell’Unione europea.

LEGGI

Giornata mondiale del rifugiato 2019

Non sorprende se i paesi più poveri sono quelli che accolgono più rifugiati al mondo. Una panoramica dell’ong Azione contro la fame ci ricorda i numeri della più grande crisi umanitaria a cui stiamo assistendo.

La Giornata mondiale del rifugiato, che si celebra il 19 giugno, è un’occasione per sottolineare che il fenomeno migratorio dovuto a guerre e conflitti è in aumento. Nel 2017, il numero di rifugiati e sfollati nel mondo ha raggiunto i 66 milioni di persone. Una delle conseguenze principali di questo fenomeno è stato l’aumento del numero di persone che soffrono la fame, tornato a crescere per la prima volta dopo più di un decennio.

LEGGI

Il 12 giugno è la Giornata mondiale contro il lavoro minorile

La Giornata è nata per contrastare il lavoro minorile, fenomeno che, in alcuni dei paesi più poveri del mondo, affligge un bambino su quattro.

Privare un bambino della sua infanzia, rischiando di compromettere irrimediabilmente il suo futuro, è tra le crudeltà più grandi che si possano commettere. Il fenomeno del lavoro minorile però è ben lontano dall’essere sconfitto, in tutto il mondo sono infatti almeno 218 milioni i bambini e gli adolescenti costretti a lavorare, spesso svolgendo lavori pericolosi.

LEGGI

Un’isola di plastica nel mar Tirreno

Nel Tirreno, tra la Corsica e l’Elba c’è una nuova isola, ma è di plastica: una striscia di rifiuti trasportata dalle correnti. Bicchieri, cannucce, cotton fioc che si trasformano in armi letali per la biodiversità.

Migliaia e migliaia di plastiche e microplastiche a due passi da noi, zuppe di rifiuti che attanagliano zone vicine all’isola dell’Elba e alla Corsica.

Rifiuti che avvelenano i nostri mari e uccidono pesci e tartarughe, esattamente come succede nella Great Pacific Garbage Patch, l’isola del Pacifico completamente piena di spazzatura. Ma a quanto pare l’inquinamento marino è più vicino di quanto pensiamo, a dirlo è Francois Galgani, responsabile dell’Institut français de recherche pour l’exploitation de la mer (Ifremer) di Bastia, che parla di una vera e propria striscia di rifiuti che ciclicamente viene trasportata dalle correnti ed è frutto dell’inciviltà e del non corretto smaltimento rifiuti.

LEGGI

In Toscana non vedremo più plastica monouso sulle spiagge

Entro l’estate la Regione firmerà, d’accordo con gli stabilimenti balneari, un’ordinanza che vieterà la distribuzione sulle spiagge di piatti, bicchieri, posate e cannucce di plastica, da sostituire con alternative in materiali biodegradabili o compostabili. Il mancato rispetto della norma comporterà delle sanzioni, l’importo delle quali non è ancora stato fissato.

900 stabilimenti toscani si uniscono così a quelli pugliesi, alle isole di Lampedusa e Linosa nella lotta per un mare libero dai rifiuti. Rimangono da abolire le bottigliette di plastica: “Per ora c’è una sola azienda in Italia a produrle in materiale ecologico”, spiega l’assessore all’Ambiente della Toscana, Vittorio Bugli. “Confidiamo che la situazione possa cambiare entro il 2020”.

Quali sono costi e benefici della tecnologia 5G?

Una nuova tecnologia che cambierà le nostre vite è in arrivo: si chiama 5G. Ma prima di essere “inondati”, è meglio capire seriamente se ci possono essere rischi per la nostra salute e quella dell’ambiente.

Le compagnie di telecomunicazioni di tutto il mondo sono in procinto di implementare la rete wireless di quinta generazione (5G) entro i prossimi due anni. Questa innovazione è destinata a rappresentare su scala globale un cambiamento sociale senza precedenti. Avremo case “intelligenti”, imprese “intelligenti”, autostrade “intelligenti”, città “intelligenti” e auto “intelligenti” a guida autonoma. Praticamente tutto ciò che possediamo o acquistiamo, dai frigoriferi alle lavatrici, dal riscaldamento all’aria condizionata, dai cartoni per il latte alle spazzole per i capelli; dai giocattoli ai pannolini per bambini, conterrà antenne e microchip e sarà connesso, in modalità wireless, a internet. Ogni persona sulla Terra avrà accesso immediato alle comunicazioni wireless ad altissima velocità e a bassa latenza da qualsiasi punto del pianeta, anche nelle foreste pluviali, nel mezzo dell’oceano e nell’Antartico. Ma noi cittadini abbiamo davvero bisogno di questa rivoluzione tecnologica?Ciò che non è sufficientemente conosciuto è il fatto che l’innovazione 5G comporterà anche cambiamenti ambientali su scala globale senza precedenti. Al momento attuale è impossibile prevedere quale sarà la densità delle installazioni che verranno richieste per i trasmettitori di radiofrequenze di tipo millimetrico, con lunghezze d’onda simili a quelle attuali ma a frequenze più elevate, per ora mai studiate. Secondo le stime si prevede che oltre a milioni di nuove stazioni radiobase 5G sul pianeta Terra, 20mila nuovi satelliti nello spazio, 200 miliardi di oggetti trasmittenti, faranno parte dell’internet delle cose” (in inglese internet of things, Iot) entro il 2020, e un trilione di oggetti di vario tipo verranno connessi a internet solo pochi anni dopo.

LEGGI

Partenariato triennale per progetto di cooperazione internazionale

L’Associazione Mangwana ha stipulato un partenariato triennale con:
– L’Association Africaine pour un Avenir Meilleures (3AM)
– Comune di Lucca
– Comune di Capannori
– Aziende Sistema Ambiente ed Ascit
– Cooperativa sociale Odissea
– Komera Onlus
– Euroafrican Partnership
per la realizzazione di un progetto sociale ed ambientale nel Comune di Tivaoune Diaksao, Dakar. Il nome del progetto è “Sosteniamo l’autonomia locale, la raccolta differenziata dei rifiuti in Senegal per il miglioramento dell’ambiente e per la creazione di posti di lavoro”. 

Aumenta la fame

Le persone che hanno sofferto la fame nel 2016 sono 815 milioni, l’11% della popolazione mondiale, scrive New Scientist. Eppure la produzione di cibo sarebbe sufficiente a nutrire tutti gli abitanti del pianeta. La situazione si sta aggravando: nel 2015 le persone che non avevano cibo a sufficienza erano 777 milioni, il 10,6% del totale. È la prima volta dal 2003 che si registra un aumento delle persone malnutrite. Le cifre sono contenute in un rapporto sulla sicurezza alimentare presentato dalla Fao. Secondo l’organizzazione, le cause principali dell’aumento sono i conflitti e il cambiamento climatico, che ha moltiplicato siccità e alluvioni, con conseguenze devastanti in paesi fragili come Afghanistan, Iraq, Yemen e Sud Sudan. Inoltre, il fenomeno climatico del Niño ha peggiorato la situazione in Somalia, Siria, Sudan, RDC e Burundi. Secondo il rapporto, bisogna potenziare la sicurezza alimentare stimolando la produzione di cibo a livello locale, aumentando la resistenza dell’agricoltura agli shock e mettendo da parte riserve di cibo per le emergenze. Ma i conlitti e il cambiamento climatico non sono gli unici problemi. Le proiezioni demografiche prevedono infatti un rapido aumento della popolazione mondiale, che potrebbe raggiungere i dieci miliardi nel 2050. In quel caso per soddisfare il fabbisogno alimentare bisognerebbe aumentare la produzione almeno del 50%. [New Scientist/Internazionale 1223]

Un ponte di solidarietà tra scuola e Madagascar

Un ponte di solidarietà che ha unito virtualmente i bambini della scuola dell’infanzia di Villamagna ad un lontano angolo d’Africa. Un progetto didattico-educativo sull’acqua fortemente voluto dalle insegnanti della piccola scuola, da Gianni Gronchi (docente d’arte) e sostenuto dai genitori, che ha portato proprio nella giornata mondiale dell’oro blu all’attivazione di tre pozzi idrici in tre diversi villaggi del Madagascar. Il lavoro si è sviluppato anzitutto attraverso un percorso di conoscenza e di esperienza volto a sensibilizzare gli stessi bambini ad un utilizzo più consapevole e corretto dell’acqua attraverso esperienze dirette, come ad esempio il ripristino di una vecchia fonte del paese. Fondamentale il supporto che al progetto ha dato l’associazione Mangwana, attiva da tempo nei territori del Madagascar sul fronte delle emergenze idriche e che ha fatto da tramite in questo gemellaggio virtuale. I fondi raccolti durante un’iniziativa di beneficenza, organizzata dalla scuola e dall’associazione, hanno portato a questo primo grande passo: l’apertura dei primi tre pozzi di acqua. “Il progetto con il Madagascar non si esaurisce qui per la scuola di infanzia di Villamagna”, spiega Gianni Gronchi, “questa è stata la prima tappa di un percorso importante di solidarietà che ha dato la possibilità di realizzare intanto un primo intervento diretto in Madagascar che garantisce autonomia ed autosufficienza a quei popoli. “Il progetto con Mangwana”, sottolinea l’insegnante Bianca Digiovanni, è la dimostrazione di come, anche attraverso una scuola piccola, si possano realizzare con pochi soldi interventi di aiuto a centinaia di persone”. [Ilenia Pistolesi – LA NAZIONE, Pontedera]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi